La Sicilia è terra produttrice di olio d’oliva fin dai tempi delle colonie greche: già dall’antichità, quindi, si è subito notata la sua propensione olivicola. Le maggiori coltivazioni di olive si possono osservare nel trapanese, nell’agrigentino e nel ragusano


Caratteristiche organolettiche dell'olio siciliano



Parecchie sono le qualità di olive autoctone siciliane, che donano all’olio un profumo intenso e un gusto particolare. Ma le olive che vengono adoperate per aver il miglior olio extravergine siciliano sono: la Nocellara del Belice, la Cerasuola, la Biancolilla, l’Ogliarola Messinese, la Tonda Iblea, la Nocellara Etnea e la Moresca.

Ognuna di esse possiede un aroma specifico, prendiamo ad esempio la Biancolilla, che attribuisce all’olio siciliano un aroma fruttato, mentre la Moresca, che viene impiegata molto nella produzione dell’olio extra vergine di oliva, ha un gusto di frutta matura e conferisce un sapore non troppo piccante. La Tonda Iblea, invece, attribuisce all’olio siciliano un sapore più intenso, piccante e leggermente amaro.


La raccolta delle olive siciliane



Dato il clima mite, le olive siciliane possono essere raccolte tra ottobre e dicembre, ma il mese migliore è novembre

Il processo della raccolta delle olive siciliane è molto complesso e passa attraverso diverse fasi. La raccolta viene fatta totalmente a mano e senza l’ausilio di nessun macchinario, così come l’antica tradizione siciliana insegna e anche per evitare di stressare le piante. 

I raccoglitori di olive siciliane permettono alla pianta di arrivare al giusto processo di maturazione, avendo magari una quantità minore di olive ma di una qualità eccelsa. Così facendo trascurano il guadagno a vantaggio della qualità, infatti, l’olio siciliano è conosciuto in tutto il mondo per la sua bontà.


La molitura delle olive siciliane



Affinché l’olio siciliano sia il top, è importante la molitura, che consiste nella fase, estremamente delicata, dell’estrazione. Poco dopo essere state raccolte, le olive vanno portate al frantoio, dove è possibile trovare tecniche di lavorazione differenti a secondo della zona di produzione.

La molitura può avvenire con due processi differenti: meccanica o classica. La prima, quella meccanica, non espone l’olio ad alte temperature e consente così di ottenere un olio di ottima qualità. Invece, la molitura classica adopera ancora, come da tradizione, le macine in pietra. Ad oggi questo tipo molitura è ancora molto diffuso nella produzione dell’olio siciliano. 


I falsi miti sull’olio di oliva




Quando si parla di olio di oliva, bisogna assolutamente sfatare dei falsi miti che lo riguardano. Per esempio, quando si parla di “prima spremitura”, è falso affermare che l’olio della prima spremitura sia migliore della seconda, perché l’olio extravergine di oliva si ottiene da una prima ed un’unica lavorazione delle olive.

Così come è errato affermare che l’acidità dell’olio si misuri dal fatto se pizzichi o meno in gola. Non si tratta dell’acidità, ma la piccantezza dipende dalla maturazione e dal tipo di oliva che viene adoperato. Quindi, la bontà di un olio extravergine di oliva non si misura dal sapore più o meno amaro o piccante, perché queste sensazioni che percepite al palato sono dovute alla presenza di polifenoli, che sono antiossidanti e attribuiscono all’olio extravergine d’oliva particolari qualità organolettiche. È proprio grazie a queste molecole, che l’olio siciliano assume il suo sapore fruttato, delicato, medio o intenso

Quando si parla di olio fruttato, non vuol dire che sa di frutta, ma ci si riferisce al frutto da cui si estrae l’olio e cioè l’oliva che deve essere raccolta al giusto grado di maturazione.    

Un altro mito da sfatare è che l’olio extravergine non sia buono per friggere. Questo non è vero, perché è molto resistente alle alte temperature e non produce sostanze dannose per l’organismo.

Infine, la famosa affermazione “l’olio extravergine di oliva è molto caloricoè in parte vera, perché apporta circa 900 calorie per 100 grammi e per un adulto al giorno se ne consiglia l’assunzione di 30 grammi, che equivale a 3 cucchiai, soprattutto perché è ricco di sostanze benefiche per l’organismo, come la vitamina A ed E, che sono antiossidanti.


Perché l’olio siciliano è ritenuto tra i migliori




L’olio siciliano è conosciuto in tutto il mondo e la sua produzione differisce dagli altri tipi di olio perché viene effettuata con particolari accortezze, quali i tempi di raccolta, molitura, etc. come evidenziavamo precedentemente. 

Parte dell’economia siciliana è sorretta dalla coltivazione di ulivi, per questo i siciliani voglio il meglio dalle loro varietà di olive, perché ogni tipo di oliva conferisce all’olio siciliano un sapore particolare, che una volta assaggiato difficilmente può essere dimenticato.

Per tutti questi motivi l’olio siciliano è ritenuto uno dei migliori oli extravergini d’oliva, anche perché rispetto ad altri, ha delle caratteristiche organolettiche, ben definite, che lo rendono unico ed un retrogusto fuori dal comune che lo rende particolare. 


Olio d’oliva e ingredienti locali: un matrimonio perfetto




Ogni olio siciliano, per caratteristiche e gusto, si abbina bene a determinate pietanze. Poco acido e leggermente piccante si abbina ai menù di carne, pesce e verdure, ma è anche perfetto a crudo per condire insalate o per esaltare il gusto delle grigliate. Pieno e raffinato si sposa bene con i crudi e i marinati, crostacei al vapore e verdure fritte

Sul nostro e-commerce avete la possibilità di trovare un olio siciliano che si differenzia da quello prodotto da altre regioni per gusto, odore e sapore.

L’olio extravergine Notte Tempo da 250 ml, è un blend IGP Sicilia, cioè un olio ottenuto da più varietà di olive che creano un ottimo bilanciamento tra odori e sapori. È un olio molto denso e di un bel colore verde brillante e all’olfatto si percepisce l’odore di oliva fresca ed erbe aromatiche. All’assaggio si sente l’equilibrio tra amaro e piccante con una nota di carciofo, mandorla e noce.

Questo Olio siciliano si sposa bene con molti piatti: minestre, capresi, sughi, bruschette, pizze, pane e dolci. È chiamato Notte Tempo per il periodo notturno in cui viene effettuata la raccolta, per tutelare le olive dal caldo e dalla luce.

Cosa aspettate, venite su Cosa mi serve a visionare i nostri prodotti e scegliete l’olio siciliano per i vostri gustosi piatti. Per qualsiasi informazione contattateci all’indirizzo e-mail info@cosamiserve.com o al recapito telefonico +39 3802003376.