A cosa serve la pasta di zucchero

La pasta di zucchero è una vera e propria preparazione alimentare, utilizzata in pasticceria e nel mondo del cake design. Utilizzata per decorare le torte, viene modellata anche per realizzare dei buonissimi biscotti, dei cake pops e anche i cupcake. Scopriamo insieme la sua storia!

Origini e storia della pasta di zucchero

La pasta di zucchero nasce intorno al XVI secolo. In Europa e Inghilterra viene chiamata “pasta di zucchero”, mentre in America “fondant”. Quest’ultimo deriva dal francese “fonder”, che rimanda proprio al concetto di “fondere”. Questo nome, inoltre, nasce dal fatto che il “fondant” si scioglieva in bocca, infatti, nel 1800 la pasta di zucchero era una sorta di caramella che veniva tagliata a pezzi, realizzata con acqua di rose, albume d’uovo, zucchero e del succo di limone, diventava una vera e propria gomma adragante.


In America e in diverse zone d’Europa queste sorte di caramelle fatte di pasta di zucchero venivano servite accompagnate dal fatidico momento di bere il the. Solo in seguito, la pasta di zucchero iniziò ad essere usata per poter coprire e decorare le torte.

Come si lavora la pasta di zucchero



La pasta di zucchero si lavora con molta pazienza, in quanto con il calore delle mani o attraverso la maneggiatura, tende a diventare leggermente appiccicosa. Per questo motivo, quando lavorate la pasta di zucchero, vi consigliamo di tenere a portata di mano oltre allo stesso zucchero a velo, dell’amido di mais e anche dell’olio di semi. Questo perché l’amido di mais inizierà a “rendere secca” la pasta di zucchero, ma vi ricordiamo di fare molta attenzione a non metterne troppo, perché entrando a contatto con la torta potrebbe fermentare

 

L’olio di semi o un altro grasso vegetale, invece, deve essere usato sempre in piccole quantità e deve essere spalmato con un mattarello o con utensili, per poter modellare la pasta sul piano di lavoro. Ad ogni modo, se riuscite, vi consigliamo di lavorare sempre la pasta di zucchero in un ambiente fresco e asciutto.

Come stendere la pasta di zucchero


Per stendere la pasta di zucchero, bisogna usare un mattarello in silicone su un piano liscio o, al contrario, anche su una tovaglietta in silicone. Essendo una pasta facilmente modellabile, essa assorbe anche tutte le imperfezioni degli attrezzi con cui viene stesa, ecco perché si usano attrezzi in silicone, in quanto totalmente lisci. 

 

Stendere la pasta di zucchero, in sostanza, è come stendere l’impasto della pasta all’uovo, solo che al posto della farina si utilizza lo zucchero a velo. Ecco che, per stendere la pasta di zucchero, bisogna innanzitutto stendere sul piano da lavoro un po’ di zucchero a velo e prima di iniziare a passare il mattarello. La lavorazione della pasta di zucchero deve essere effettuata con una certa velocità, altrimenti, se si lavora troppo, essa si riscalderà e diventerà collosa. 

 

Ricordate di calcolare bene non solo il diametro della torta che andrete a realizzare, ma anche l’altezza che avrà, in modo da poter ricoprire il dolce in maniera completa. Approssimativamente, con 250 gr di pasta di zucchero riuscite a coprire una torta che ha un diametro di 26 cm. Lo spessore del foglio della pasta di zucchero potrà essere di 3-4 mm, non di più, questo per evitare di appesantire la torta.

Come incollare la pasta di zucchero


Dopo aver steso la pasta di zucchero, essa andrà adagiata sopra la torta. Tra la torta e la pasta, poi, bisognerà stendere un collante: la tradizione, infatti, vuole che vi sia una crema al burro che vi aiuti a poter coprire le diverse imperfezioni della torta, in modo tale da poter proteggere la pasta di zucchero dall’umidità del dolce

 

Per poter ottenere un dolce un po’ meno calorico, si può utilizzare la ganache – meglio se al cioccolato bianco, purché non si veda sotto la pasta di zucchero bianca – che vi aiuterà ad incollare la pasta al dolce. 

 

Questo passaggio è il momento più delicato e bisogna che si faccia con un po’ di manualità: mettendo la pasta stesa sulla torta vi potrete aiutare con il mattarello e, pian piano, un poco per volta e agendo con molta pazienza, si può fare aderire su tutta la superficie con una spatola.

Pasta di zucchero da copertura e da modellare: differenze 


Sapete che esiste una netta differenza tra la pasta di zucchero da copertura e la pasta da modellare?

Vediamo insieme quali sono le caratteristiche. Innanzitutto, la pasta di zucchero da copertura deve essere elastica, resistente e morbida, affinché si possa lavorare e adattare alle diverse forme che si vogliono ricoprire senza correre il rischio di seccare o crepare la pasta in sé.

 

La pasta da modellare, invece, è adatta per chi pensa in 3 dimensioni. Le sue caratteristiche principali sono: elasticità, morbidezza e solidità. La consistenza della pasta da modellare è molto simile a quella della pasta di zucchero ma, al contrario di quest’ultima, essa si indurisce molto più velocemente e ha una consistenza che dona ai personaggi che vengono realizzati la solidità necessaria per poter reggersi in piedi.

Dove si compra la pasta di zucchero 



Se volete realizzare anche voi delle bellissime torte, dei dolcini o dei fantastici biscotti decorati di pasta di zucchero, allora vi consigliamo di dare uno sguardo a questa sezione del nostro sito, scoprirete che potete utilizzarla anche in colorazioni differenti. In questo modo potrete divertirvi anche voi nel creare formine e colori per i vostri dolci. Inoltre, scoprirete che esiste anche la pasta di zucchero dai sapori più gustosi e invitanti.

 

Per noi di Cosa mi serve è davvero importante venire incontro a tutte le diverse esigenze e le fantasie di ognuno di voi! Visitate il nostro e-commerce e contattateci per qualsiasi informazione o curiosità, potete trovarci all’indirizzo e-mail info@cosamiserve.com o al recapito telefonico +39 3802003376. Saremo pronti a fornirvi tutti i dolci consigli che desiderate ricevere!